Italian English

Movie Tours nel mondo

Benvenuto Presidente! Sembra Roma ma è Torino: le location del film

La Reggia di Venaria diventa il Palazzo del Quirinale: ecco tutti i luoghi dove è stato girato il film di Riccardo Milani, Benvenuto Presidente!

YT_Benvenuto_presidente_1-113631012020.jpgGiuseppe Garibaldi è il nuovo Presidente della Repubblica. Ma non si tratta dell’Eroe dei due Mondi, ma di un suo omonimo bibliotecario che vive in un piccolo paesino di montagna che si ritrova a essere Capo dello Stato a causa di un pasticcio combinati dai parlamentari. E’ su questo equivoco che gioca Riccardo Milani nella sua commedia Benvenuto Presidente!, uscita nelle sale cinematografiche 2013 e che ha saputo divertire milioni di spettatori. Ma dove è stato girato il film? Scopriamo insieme tutte le location.

Benvenuto Presidente!: le location

Di una pellicola come Benvenuto Presidente!, ambientata nelle stanza del potere, si potrebbe pensare che sia stata girata per buona parte (se non del tutto) a Roma. Invece, nella Capitale si sono svolti solo poche riprese all’interno di Montecitorio. Tutto il resto del film è stato girato in Piemonte. Quella che sembra Roma è quindi Torino, che del resto è stata anche la prima capitale d’Italia. La sontuosa Reggia di Venaria è diventata il Palazzo del Quirinale, dove risiede l’improvvisato Presidente della Repubblica, Giuseppe Garibaldi. Altre scene sono invece state girate presso il Palazzo Reale di Torino, l’Accademia delle Scienze e Palazzo Civico. Come detto in precedenza, il Giuseppe Garibaldi del film è un bibliotecario che vive in un paesino di montagna: le riprese della parte di film ambientata nel paese d’origine del protagonista sono state effettuate il Valsusa, a Bousson (una frazione di Cesana Torinese).

Benvenuto Presidente!: il cast

A interpretare il ruolo del protagonista, Giuseppe Garibaldi, è Claudio Bisio. Nel cast del film sono poi presenti anche Kasia Smutniak, Giuseppe Fiorello, Massimo Popolizio, Cesare Bocci e Remo Girone. Presenti per delle piccole parti anche Pupi Avati e Lina Wertmüller.

 

 

Stampa

0
0
0
s2sdefault