Italian English

Movie Tours nel mondo

I luoghi del cinema

James Bond tra inseguimenti sul Garda e sparatorie a Venezia. Stallone a Cortina. Da Venezia alle Dolomiti, turismo fra le «location» delle grandi pellicole

letters to julietDal 27 agosto Venezia diventa per la 71esima volta la capitale del cinema. La città ha rappresentato la location per tantissimi film, così come molte altre località venete. Vi suggeriamo un piccolo itinerario fra cinema e paesaggi. Lasceremo Venezia alla fine per partire dal Polesine. È negli spazi del Delta del Po che negli anni Quaranta arrivano due padri del neorealismo italiano, Luchino Visconti e Roberto Rossellini. In Ossessione (1943) la cinepresa di Visconti indugia molto sugli argini del Po. La tormentata storia d’amore fra un vagabondo e la moglie del proprietario della trattoria «Ex Dogana » è girato tra Ferrara e Polesella, in un ambiente oggi meta di un ecoturismo fatto di percorsi in bicicletta e a cavallo. In Paisà (1946) Rossellini ambienta l’ultimo episodio nella guerra partigiana che si combatte Porto Tolle e i canneti della Sacca degli Scardovari. L’isola di Scano Boa, paradiso naturale raggiungibile solo in barca, è il titolo del film (1960) ispirato al romanzo di Gian Antonio Cibotto. Al Delta il maestro Mazzacurati ha dedicato più film. Nel 1987 Notte italiana le telecamere si soffermano spesso su Ca’ Venier e Ca’ Vendramin, oggi sede del Museo della bonifica di Taglio di Po. Nel film La giusta distanza (2007) le scene sono girate tra Crespino e Porto Tolle.

Inseguendo Mazzacurati, possiamo salire verso Padova dove è ambientato il film La lingua del Santo (2000). Nella pellicola Antonio Albanese e Fabrizio Bentivoglio rubano la reliquia di Sant’Antonio. La città di Padova ma anche i Colli Euganei fanno da sfondo alle avventure tragicomiche della coppia. La basilica di Sant’Antonio ogni anno attira oltre quattro milioni di pellegrini. È la maggiore destinazione religiosa in Veneto e la sesta in Italia. Mentre i Colli Euganei sono la tradizionale meta della «gita fuori porta» dei padovani con le tante trattorie e i ristoranti. Il Nordest fatto di casette, capannoni e un albergo termale viene descritto in Piccola patria (2013) di Rossetto. La piazza più famosa di Padova, Prato della Valle, e altri luoghi del centro storico, sono stati immortalati dal film con Checco Zalone Sole a catinelle (2013). Tornando a Mazzacurati, è ancora il maestro padovano a condurci, attraverso i suoi film, nel nostro itinerario in Veneto.

A Vicenza il regista ha ambientato la trasposizione cinematografica del romanzo di Goffredo Parise, Il prete bello (1989). Nel raccontare la storia, Mazzacurati mostra tante belle immagini di Vicenza. Ma il film che ha più di tutti mostrato le bellezze della città berica è Il commissario Pepe di Ettore Scola (1969). Oggi possiamo ripercorrere le strade attraversate nel film da Ugo Tognazzi. Dal ponte in ferro di viale Giuriolo ai porticati di piazza delle Erbe o piazza Scamozzi, dove si trovava la casa del commissario. Una scena è ambientata sotto il Ponte degli Alpini di Bassano del Grappa, ricostruito sul progetto del Palladio.
Spostandoci verso ovest, incontriamo Verona, la città dell’amore, dove Shakespeare ha ambientato la sua tragedia più conosciuta. Tra i film girati a Verona ricordiamo una pellicola che si ispira a Romeo e Giulietta. Si chiama Letters to Juliet (regia di Gary Winick, 2010). La produzione ottenne dal Comune la chiusura per due giorni del cortile del palazzo del XIII secolo conosciuto come la Casa di Giulietta. Un’attrazione turistica da un milione di visitatori l’anno che in futuro si arricchirà anche dell’ologramma dell’eroina shakespeariana. Sul Garda, località turistica apprezzata dai turisti stranieri per il clima, l’ambiente e la tranquillità, è stata girata la scena iniziale di uno dei film della saga «007». In Quantum of Solace del 2008 James Bond-Daniel Craig riesce a sfuggire ai cattivi di turno in una pericolosa e affannosa corsa lungo la Gardesana occidentale. Durante le riprese l’Aston Martin sfondò il guard rail e si inabissò nel lago e due stuntman rimasero feriti.
La saga di 007 ci porta da Verona alle Dolomiti. Tutte le scene in montagna di Solo per i tuoi occhi del 1981 con Roger Moore sono girate a Cortina d’Ampezzo. La Regina delle Dolomiti è stata la location di moltissimi film, dal Conte Max con Alberto Sordi nel 1957 a Fantozzi in paradiso del 1993 girato tra il Majestic di Corti na e il Dolomiti di San Vito di Cadore. Per non dimenticare il primo dei «cinepanettoni» di Vanzina, Vacanze di Natale del 1983, seguito, a distanza di 28 anni, da Vacanze di Natale a Cortina. Gli amanti delle scalate potranno riconoscere le Tofane e la Croda del Lago, le torri del Vajolet, il gruppo del Catinaccio e quello del Cristallo in Cliffhanger del 1983 anche se il protagonista del film interpretato da Sylvester Stallone è un operatore del soccorso nelle Montagne rocciose, negli Stati Uniti d’America.

Scendendo verso Venezia, a Treviso riconosciamo nel centro storico i luoghi di Signore & signori di Pietro Germi (1965). Nel film Il gioco di Ripley di Liliana Cavani (2002) possiamo vedere John Malkovich (Tom Ripley) mentre vive con una giovane musicista in una villa veneta, Villa Emo a Fanzolo di Vedelago, la bellissima dimora palladiana le cui pareti sono state affrescate dallo Zelotti. Il film è girato anche ad Asolo, uno dei sei borghi più belli d’Italia del Veneto. Tre anni prima, era stato Matt Damon a interpretare il controverso personaggio di Ripley in un film girato anche a Venezia.

E’ in laguna che il nostro viaggio si conclude. È tra le calli e i padiglioni della Biennale che ci sembrerà di rivedere Alberto Sordi con Anna Longhi nell’episodio Le vacanze intelligenti (1978). Salendo su una gondola lo ricorderemo mentre accompagna belle fanciulle in Venezia, la luna e tu del 1958. A Venezia sono ambientati molti film della saga di James Bond: Sean Connery in Dalla Russia con amore (1963), Roger Moore in Moonraker (1979), Daniel Craig in Casino Royale (2006), in cui viene fatto affondare un palazzo, e in cui nel cortile del conservatorio «Benedetto Marcello» viene ambientata una sparatoria. Venezia ha ospitato tantissimi film. Tra quelli d’azione ricordiamo The Italian Job (2003) o Indiana Jones e l’ultima crociata di Spielberg nel 1989 o ancora The tourist con Johnny Depp e Angelina Jolie (2010) girato fra Palazzo Pisani Moretta, la hall dell’hotel Danieli, la terrazza del Guggenheim e l’Arsenale, trasformato nel quartiere generale dell’Interpol. Tra i romantici Pane e tulipani di Soldini (1999) e Tutti dicono I love you” di Woody Allen nel 1996, tra quelli comici Fantozzi va in pensione nel 1988 e Viaggi di nozze con Verdone nel 1995. Spostandoci dal centro storico, chiudiamo il nostro itinerario con l’osteria Paradiso e le affascinanti strade di Chioggia, dove il regista Andrea Segre ha girato il film Io sono Li nel 2011.

Fonte: CorriereDelVeneto.it

Stampa

0
0
0
s2sdefault