Italian English

Notizie dall'estero

Passeggiate nel mondo del Grande Gatsby

di Maria Laura Amato

E se ci trovassimo a viaggiare in una terra stupenda ricca di colori e luoghi lussureggianti e raffinati crederemmo di sognare? Dopo aver visto l’ultimo capolavoro di Buz Lurhmann sembrerebbe di no!

E’ partita la 66°a edizione del Festival di Cannes, e il Grande Gatsby di Buz Lurhmann è stato il film fuori concorso che è stato proiettato alla cerimonia di apertura. Sul red carpet hanno sfilato, Leonardo di Caprio, Tobey Maguire e Carey Mulliganper presentare ilfilm tratto dall’omonimo romanzodi Francis Scott Fitzegerald.

Buz Luhrmann, con il Grande Gatsby, ci inserisce in un contesto che fatica a riecheggiare gli anni venti del 900 per il suo accento estremamente moderno, corredato da canzoni pop del 21°secolo. Ci fa scivolare in scenografie coinvolgenti, tanto reali quanto surreali, abbracciando una storia estremamente magica e narrata da elementi, scorci di inquadrature, colori intensi, da sembrare surreali.

Gatsby1Il film è ambientato nella New York degli anni ‘20, precisamente nella baia di Long Island, una New York prima della crisi del 1929, che diede inizio alla “grande depressione”. L’America riceveva importanti risultati dall’espansione industriale raggiungendo altissimi livelli in tutti i campi e per l’appunto cinema, musica e teatro davano il meglio di sé. New York supera Londra come metropoli più popolata del mondo, infatti proprio a quegli anni risalgono la costruzione di numerosi grattacieli come il grande Woolworth Building che soppiantò in altezza la Metropolitan life Insurance Company Tower. Da sfondo nel film, il Brooklyn Bridge, primo ponte costruito con la tecnica dei cavi d’acciaio, completato nel 1883, e la magnifica Times Square, la piazza più famosa al mondo. Molte scene sono ambientate anche nella celebre Fifth Avenue, già a quei tempi simbolo della opulenta New York , ricca di residenze storiche, musei e negozi di lusso.

Gatsby2La maggior parte delle scene del film sono state giratea Sydney in particolare a Balmain, Blue Mountains, Centennial Park, Glebe Island, Waverley Cemetery, White Bay Power Station. Alcuni ambienti sono stati ricostruiti nei Fox Studios di Sydney. La parte occidentale del porto di Balmain una volta faceva parte dei quartieri del proletariato di Sidney oggi trasformato in uno dei quartieri più alla moda, ricco di negozi e pub. Particolarità di questo posto, sono le case che rievocano strutture databili intorno alla fine del 1800, dando l’illusione ai turisti di fare un piccolo ed intenso viaggio nel tempo rievocando un’ ottica antica della città di Sidney. Proprio in questo posto sono state girate alcune scene ambientate nella “Valle delle ceneri”, attuale località di Queens, che collega Long Island a Manhattan, e viene descritta dal narratore, Nick Carraway. Il suddetto luogo, realmente esistente, della New York del 1922, era una discarica di immondizia bruciata, in costante aumento, prodotta dai cittadini di New York e dintorni. Altre scene sempre riguardanti la “Valle delle ceneri” sono state girate a White Bay Power Station, ex centrale elettrica costruita a Sydney nel 1912. Le meravigliose immagini dell’estate di Gasby sono invece state girate a Centennial Park a Sydney, l’ingresso al giardino della casa del protagonista, corrisponde per l’appunto all’entrata del parco, da alcuni considerato anche più bello di Central Park. La sua bellezza rivela distese di verde meticolosamente paesaggistiche con giardini lussureggianti. Le sensazioni olfattive, visive e uditive, suscitate da queste meravigliose immagini, spingono lo spettatore a desiderare di visitare cotanta magnificenza.

Stampa

0
0
0
s2sdefault