Italian English

Notizie dall'estero

Nuovo credito d'imposta in Gran Bretagna

di Naman Ramachandran 

df-arbeitsflondon-131-edited-1 31823 600x450Dal 1° Aprile nel Regno Unito c’è un  nuovo credito d'imposta per le produzioni che scelgono la Gran Bretagna per le loro riprese. Lo ha annunciato George Osborne durante il suo discorso di bilancio al Parlamento Inglese. Il cancelliere ha dichiarato che la Commissione europea ha approvato l'estensione del credito d'imposta per  le produzioni cinematografiche.  Questo  sgravio fiscale  per ora sarà disponibile al 25% sui primi £ 20.000.000 di spese di produzione e il 20 % successivamente per i film con budget più piccoli.

Il requisito minimo di spesa nel Regno Unito sarà ridotto dal 25 % al 10 % per incoraggiare ulteriormente gli investimenti nel Regno Unito e per beneficiare degli effetti visivi di una maggiore produzione sul territorio, aiutando al contempo le società di produzione indipendenti del Regno Unito, e incoraggiando le coproduzioni minoritarie in cui la spesa nel Regno Unito è inferiore al 25 %.

Questo banco di prova sarà ampliato per consentire alla cultura europea, nonché britannica, di essere in linea con le altre agevolazioni fiscali per i contenuti creativi. Il test prevede anche un aumento dei punti acquisibili per riprese, effetti speciali, effetti visivi e per la lingua inglese.

Adrian Wootton, Direttore generale di Film Commission britannica e della Film London, ha dichiarato: "Questi cambiamenti renderanno le industrie di produzione del Regno Unito ancora più accessibili ai registi internazionali e inglesi e in seguito serviranno per costruire e ampliare le prospettive del business cinematografico nel Regno Unito. E ' anche importante notare l'impatto enormemente positivo delle modifiche; questi sgravi fiscali avranno un notevole impatto sulle prospettive internazionali di co-produzione nel Regno Unito, aprendo una grande opportunità di collaborazione con una vasta gamma di territori internazionali."

Di by Naman Ramachandran

Tradotto dall’Inglese

Fonte: Cineuropa

Stampa

0
0
0
s2sdefault