Italian English

Notizie dall'Italia

Sardegna: dibattito tra "Movimentu" e l'assessore Farina

La denuncia di Moviementu: "Spariti 2,9 milioni per il cinema". Firino promette: "Presto i bandi"
Fondi per la 'legge-cinema' azzerati e poca trasparenza sulla Film Commission. Moviementu, associazione di registi e produttori cinematografici, accusa l'assessorato regionale alla Cultura. La replica: "Fondi stanziati, a breve attiveremo i bandi".

Sardegna e movimentoDa 2,9 milioni di euro a zero, passando per un ‘intermedio’ di 960mila. Sono queste le cifre, tutte ‘in calo’, sbandierate da Moviementu, associazione di registi, attori e produttori cinematografici sardi. Destinataria delle lamentele, quella Regione che sotto la passata Giunta guidata da Cappellacci “garantiva la copertura economica”: tutto il contrario da quando è arrivato Francesco Pigliaru. “Promesse, tante promesse, ma alla fine della giostra neanche un centesimo”. Tagli che, nei fatti, bloccherebbero qualunque produzione cinematografica ‘made in Sardegna’.

“Le promesse sono state disattese, il 2014 si è chiuso senza la pubblicazione dei bandi per la cosiddetta Legge-cinema, viviamo perciò una situazione travagliata, col consiglio di amministrazione della Film commission rinnovato ma senza far sapere i nomi dei componenti”, spiega Antonia Iaccarino, presidente di Moviementu, “un’altra promessa non mantenuta è stata quella della convocazione dei tavoli generali del Cinema. La realtà attuale è che non possiamo programmare nulla”. Le fa eco il vicepresidente di Moviementu, Luca Melis: “Abbiamo protestato più volte sotto il palazzo della Regione, è grave la non assegnazione dei fondi, oltre al fatto che è assurdo stanziare fondi postumi, cioè per opere già realizzate. Bisogna guardare al futuro, per un settore come il nostro il potersi confrontare con realtà nazionali e internazionali è quanto mai necessario”.

Claudia Firino (Sel), assessore regionale della Cultura, prova a mettere una pezza: “Come già accaduto per altri settori, la situazione del bilancio ereditato dalla precedente giunta non ha permesso di programmare entro la fine dell'anno tutti gli interventi previsti. Il comparto del Cinema, sacrificato negli ultimi anni ma dalle enormi potenzialità, troverà impegno e sostegno a partire da subito”, afferma, “nella prossima riunione di Giunta verrà nominata la Consulta e perfezionata l’operatività della Film commission, che permetterà di partire immediatamente con le attività. Attiveremo i bandi con i fondi stanziati nella finanziaria 2015, e potranno essere utilizzato anche per le attività relative al 2014”.

Stampa

0
0
0
s2sdefault