Italian English

Notizie dall'Italia

Cinema: Scimeca, racconto Biagio, emulo di San Francesco

Scimeca

 

(ANSA) - PALERMO, 16 GEN - La storia di Biagio Conte, il missionario palermitano che da 20 anni a Palermo si occupa degli ultimi, ora è un film. E' stato presentato in anteprima stamattina a Palermo dopo una serie di riconoscimenti ottenuti al Festival di Roma. "Biagio", questo il titolo, è stato scritto e diretto Pasquale Scimeca con un contributo di Film Commission Sicilia, per una produzione di Arbash e Alì Natura. "La gente moriva per strada, la violenza e la paura erano impresse sulla faccia e sulle cose e l'unico Dio era il denaro. Tutto questo mi faceva star male, ma consentitemi almeno di non essere complice di tutto questo male..". Così racconta Biagio Conte per spiegare perché a 25 anni, bello, ricco, integrato, lascia tutto va a vivere nelle montagne di Ficuzza e in solitudine assoluta comincia cercare Dio. La sua ricerca lo porta ad Assisi a dialogare con San Francesco che media il suo incontro con Dio.
Poi il ritorno a Palermo e l'inizi della sua missione: aiutare gli altri. A partire dai barboni della Stazione che lava, nutre e cura chiamandoli fratelli. Fino alla realtà odierna, la creazione un centro che si chiama Speranza e Carità, e che assiste circa duemila persone tra uomini e donne. E che vive, appunto, solo di carita'.
"Biagio non voleva ch'io facessi questo film - racconta il regista - aveva paura di commettere un peccato d'orgoglio. Ma alla fine mi ha detto se Dio Vuole te lo farà fare". E Scimeca ne ha fatto un'opera rigorosa e altamente spirituale, al punto da confessare "non ho ancora il dono della fede, ma una cosa è certa i giorni passati alla Missione in compagnia di Biagio, hanno cambiato la mia vita". Protagonista è l'attore Marcello Mazzarella, tra i tanti altri Vincenzo Albanese, Renato Lenzi, Omar Noto. Costato 614 mila euro, con il contributo di 160 mila di Film Commission, il film sarà nelle sale dal 21 gennaio con una formula e distribuzione assolutamente originale: proiezioni organizzate da volontari, centri religiosi e cinema d'essai per fare il pieno nelle sale. Come dire: fate che gli spettatori vengano a me...".


 

Stampa

0
0
0
s2sdefault