Italian English

Notizie dall'Italia

La Lecco film Commission e il futuro turistico

Alla Bit, Borsa Internazionale del turismo, la compagine lecchese guarda al futuro

PaoloCagnottoEgidioMagniL’innovazione e il futuro sembrano essere le due parole chiave della prossima edizione di BIT, la Borsa Internazionale del Turismo che si terrà presso Fiera Milano (Rho) dal 12 al 14 febbraio. Tante le novità di questa edizione che, strizzando l’occhio ad EXPO 2015, mostra particolare attenzione verso il mercato internazionale. Non passerà infatti inosservata Bit China, un’iniziativa che supporta gli imprenditori italiani nello sviluppare strategie appropriate in termini di pacchetti di offerta e attività promozionali, portandoli in Cina per incontrare direttamente la domanda. Ma la vera svolta di BIT 2015 starà nella suddivisione in tre segmenti – Mice, Leisure e Luxury –, il grande spazio alle OLTA attraverso Bit.DIGITAL, ed un’area dedicata ad arte, cultura ed enogastronomia con l’obiettivo di valorizzare le eccellenze italiane nel mondo. Ed è in questo clima internazionale ed innovativo che, come ogni anno, la Lecco-Lombardia Film Commission si dimostra più che mai pronta a partecipare all’iniziativa, come spiega il direttore Paolo Cagnotto: “Noi, come da cinque anni a questa parte, saremo presenti allo stand di Regione Lombardia, distribuendo materiale e creando contatti per l’area lecchese. Una presenza costante che fa seguito alle varie presenze a Lecco, a Ischia (Ischia Film Festival), a Erba (TTTourism) e tante altre manifestazioni legate al turismo, dove abbiamo raccolto interessi di location e professionalità che hanno espresso la volontà di collaborare con noi”. Parole importanti che fanno intendere quanto l’attività della film commission si leghi sempre più a quella turistica, ossia a quel concetto di marketing territoriale ormai entrato nel vocabolario di tutti gli addetti ai lavori del settore dei viaggi. A tal proposito, quindi, impossibile non citare le riprese a Lecco della fiction RAI “Una Grande Famiglia 3”, come spiega Cagnotto: “Ora che abbiamo anche il supporto di una fiction importante con testimonial del calibro di Stefania Sandrelli, Isabella Ferrari, Stefania Rocca, Alessandro Gassman, Giorgio Marchesi ed altri famosi attori, siamo ancora più motivati. Questa occasione sarà la molla per realizzare un percorso sui luoghi dove hanno girato la fiction e che presenteremo più avanti, anche in vista di EXPO, attraverso una app per i cineturisti. Un percorso che non comprende la sola città di Lecco, ma anche di tutti i paesi coinvolti nelle riprese: Civate, Malgrate, Pescate, Valmadrera, Mandello, Varenna. A questi progetti stanno anche lavorando esperti a livello internazionale, non dimentichiamo per esempio la collaborazione con l’hub creativo Mediars che opera tra l’Italia e gli Stati Uniti, più precisamente a Los Angeles, la patria del cinema. A tal proposito mi fa piacere ricordare le varie connessioni che stiamo stabilendo a livello internazionale, tra le quali un contatto con la Mexico City Film Commission e la presentazione della Lecco-Lombardia Film Commission come caso di studio legato al cineturismo presso UNWTO – United Nations World Tourism Organization. Ecco perché teniamo particolarmente a questa edizione di BIT, poiché ci permetterà di approfondire la relazione tra cinema e turismo attraverso il dialogo con altre realtà anche al di fuori dei confini italiani: sappiamo che parteciperanno diversi enti stranieri alla manifestazione”. E a chi chiede quali siano i progetti futuri che verranno illustrati allo stand di Regione Lombardia, il location manager di Lecco-Lombardia Film Commission Egidio Magni risponde: “Continueremo la sinergia con i filmmaker del nostro territorio per valorizzare le maestranze locali e innescare anche un processo di interessamento maggiore verso il cineturismo, proponendo delle guide cartacee su quanto già fatto”. Uno sguardo al futuro che viaggia parallelamente alle iniziative di BIT 2015: se la kermesse milanese punta alla promozione di nuovi tipi di turismo, senza dubbio il cineturismo fornisce un’occasione da non lasciarsi sfuggire.

Marta Soligo

Nella foto Paolo Cagnotto ed Egidio Magni

Stampa

0
0
0
s2sdefault