Notizie dall'Italia

Montalbano porta il turismo in sicilia

montalbano terrazza 600x300Già un anno fa, un osservatorio del Ragusano aveva indicato in 800.000 il numero di turisti giunti in quel pezzo di Sicilia "grazie" a Montalbano, o meglio grazie al potere delle incantevoli immagini viste da milioni di spettatori nella fiction di Rai Uno dedicata al commissario di Camilleri. Ma ora anche gli operatori del settore guardano con attenzione al territorio dove è stata riprodotta visivamente la Vigata di Montalbano.
Dopo quattro anni, infatti, la Sicilia è di nuovo il teatro di un evento rivolto proprio agli operatori del settore turistico in ambito internazionale (e in particolare britannico), un evento che sfrutta il successo mediatico della fiction televisiva. Si registra una grande adesione per l'Educational Press Tour, realizzato con la collaborazione di Enit Londra, in programma dal 30 marzo al 2 aprile nella parte sud orientale dell'isola siciliana. Il programma dell'educational press tour prevede la visita di tutto il comprensorio turistico, ma soprattutto appuntamenti culturali ed enogastronomici, tra i quali spicca l'aperitivo organizzato sulla terrazza di Montalbano, in quella che nella finzione letteraria è Marinella e che nella realtà si trova a Punta Secca.
Michela Stancheris, assessore al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione siciliana, rivendica con orgoglio la decisione di puntare sull'effetto Montalbano: "Volendo trasformare un evento televisivo in una grande attrazione per il territorio, ho deciso di investire su questa terra e sul mercato inglese particolarmente interessato a visitare i luoghi della fiction, considerato il grande riscontro di pubblico della messa in onda sul network BBC". Stancheris si definisce poi "molto entusiasta di questa eccezionale partecipazione" dal momento che "questo successo dimostra che quando l'Amministrazione è messa nelle condizioni di operare in maniera sistemica può raggiungere risultati talvolta inattesi".
Ma l'attività di promozione del territorio siciliano non si ferma alle location di Montalbano: "Questa è solo la prima tappa di un programma intenso e articolato già previsto nel Piano di propaganda regionale" dichiara infatti l'assessore regionale "e che vede l'intensificarsi degli investimenti da parte della Regione in tutte quelle attività rivolte agli operatori e mirate a migliorare la promo-commercializzazione del prodotto turistico". Di certo questa vicenda dimostra ancora una volta l'enorme potenziale che cinema e televisione possono mettere a disposizione di chi lavora nel marketing territoriale e nella creazione di progetti che, come si suol dire, "facciano sognare i turisti".

Stampa

0
0
0
s2sdefault