Italian English

Notizie dall'Italia

Sicilia e cinema, tra passato e presente

Il lavoro della Film Commission e guide su location e professionisti del settore per valorizzare un connubio lungo quasi un secolo  

GodfatherwebLa Sicilia è sempre stata una delle location preferite dalle produzioni cinematografiche italiane ed internazionali. Una storia lunghissima, caratterizzata da film entrati nella storia e da scorci e peculiarità territoriali valorizzati dalla settima arte. Un passato glorioso, insomma, segnato da film indimenticabili come ‘Il Padrino’ di Francis Ford Coppola e ‘L’avventura’ di Michelangelo Antonioni, a cui farà seguito – grazie alla Film Commission, alla politica e ai validi professionisti del settore locali – un futuro con molta probabilità dai risvolti positivi.
FILM COMMISSION - Città come Palermo, Catania e Siracusa hanno avuto negli ultimi tempi grande risalto mediatico soprattutto grazie al lavoro della Sicilia Film Commission, che da anni “promuove e valorizza il patrimonio artistico e ambientale e le risorse professionali e tecniche dell’Isola, creando le condizioni per attrarre in Sicilia produzioni cinematografiche, televisive e pubblicitarie italiane e straniere”. Film Commission che ultimamente ha sovvenzionato film come ‘La Scossa’ (2009, quattro corti sul terremoto di Messina del 1908 diretti da maestri come Ugo Gregoretti e Carlo Lizzani), ‘Auguri Don Gesualdo‘ (2009) documentario di Franco Battiato e ‘I baci mai dati’ di Roberta Torre (2009, con Donatella Finocchiaro e Beppe Fiorello).
LE DICHIARAZIONI DI NICOLA LEANZA – Film che, unitamente ad opere del passato come ‘Nuovo cinema paradiso’, mostrano una Sicilia certamente a suo agio nel ruolo di location cinematografica. Un ruolo che grazie al lavoro della Film Commission e all’interessamento della politica siciliana, conscia di quanto sia determinante la valorizzazione del territorio attraverso il cinema, verrà ricoperto anche nei prossimi anni. «I grandi produttori e gli artisti – ha affermato l’assessore regionale ai Beni Culturali, Nicola Leanza – hanno capito che la Sicilia ha realizzato progetti concreti e si candida a diventare una vera e propria industria che offre servizi e che riceve ricchezza economica e occupazione». Proprio per facilitare il lavoro di registi e autori nascono le guide sulle location e sui professionisti del settore, «due strumenti fondamentali – ha continuato Leanza - da fornire alle società di produzione che, se da un lato possono valorizzare i nostri luoghi più belli, dall’altro mostrano come in Sicilia le professionalità sul luogo non mancano».
LE GUIDE - La ‘Location Guide della Sicilia’ è un volume di 304 pagine di grande formato con testi in italiano e inglese, ma soprattutto 500 il-gattopardofotografie suggestive e più di 170 location suggestive distribuite nelle nove province, delle quali vengono fornite le indicazioni logistiche necessarie. La ‘Production Guide’ è, invece, un agile volume (testi in italiano e inglese) che in 90 pagine raccoglie per la prima volta il catalogo dei professionisti e delle aziende operanti nel settore cinematografico siciliano: uno strumento essenziale per chi decide di girare in Sicilia utilizzando personale qualificato. Le due guide avranno un loro sviluppo e aggiornamento continuo sul sito web della Sicilia Film Commission
SICILIA E IL CINEMA, CHE STORIA – Non solo ‘Il Padrino’ (girato tra Messina e Catania). La Sicilia ha infatti ospitato numerose opere cinematografiche italiane ed internazionali che hanno lasciato il segno. Passando in rassegna alcune tra le città principali della regione, a Palermo sono stati girati ‘Nuovo Cinema Paradiso’ (1988), ‘La meglio gioventù’ (2003), ‘Il Gattopardo’ (1963) e ‘Il Divo’ (2008); a Taormina, ‘Malèna’ (2000), ‘Le grand bleu’ (1988, di Luc Besson); a Siracusa, ‘Cadaveri Eccellenti’ (1976) di Francesco Rosi e le opere di Pietro Germi ‘In nome della legge’ (1949) e ‘Sedotta e abbandonata’ (1964); a Messina, ‘Il postino’ (1994) e ‘Caro Diario’ (1993) di Nanni Moretti; a Ragusa, ‘Divorzio all’italiana’ (1961) e ‘L’uomo delle stelle’ (1995, di Giuseppe Tornatore).

 

Stampa

0
0
0
s2sdefault