Italian English

Notizie dall'Italia

Marco Moretti scrive al direttore del "Lucana Film Commission"

"Le riprese del remake di Ben Hur, un'occasione persa."

Paride Leporace Morgan FreemanSet Ben HurMATERA
Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta di Marco Moretti a Paride Leporace, direttore del Lucana Film Commission, criticando il modo di agire della LFC e del suo direttore, rimarcando come l'occasione delle riprese cinematografiche del remake di Ben Hur siano state un'occasione persa per le maestranze locali. Eccola di seguito 

"Egr. Sig. Leporace,

 sono un cittadino Lucano,nato e vissuto a Matera, e svolgo la professione di Telecineoperatore dall’ ormai lontano 1993.
Come ben potrà intuire, l’aver scelto di assecondare la Passione per questo lavoro,in questa parte di mondo,non è stata una scelta corroborata da esaltanti prospettive.
Mi sono innamorato del meraviglioso mondo delle riprese video perché mi dava la possibilità di raccontare,di trasferire emozioni a chi non aveva la possibilità dei vivere direttamente un evento. Mi permetteva di mostrare il mondo racchiuso in una lente..attraverso i miei occhi. Era per me esaltante e allo stesso tempo percepivo la grande responsabilità che implicava lo svolgimento di tali mansioni. Erano gli anni in cui lavoravamo con entusiasmo,guadagnavamo e ci divertivamo. non sarebbe stato difficile innamorarsi del proprio lavoro, in un simile contesto. La Passione e l’Amore fanno si che le fatiche e i sacrifici assumano persino un dolce sapore. E dal lontano 1993 sono trascorsi vent’anni o poco più, e per mia fortuna le esperienze si sono diversificate e affinate, con la collaborazione con i maggiori network nazionali o nella realizzazione di opere cinematografiche e televisive.
Tutto questo, a premessa di quanto le sto per scrivere, perchè mi sembrava doveroso poterle dare la possibilità di avere un minimo di conoscenza del suo sconosciuto interlocutore.
Le scrivo perchè Lei ricopre da ormai due anni la carica di Direttore della Lucania Film Commission (LFC).
Le scrivo perché Lei dovrebbe rappresentare il perno di congiunzione fra quanti, a vario titolo ed interesse, gravitano nel settore delle Produzioni Cinematografiche, entro i confini regionali.
Le scrivo perché Lei dovrebbe essere direttamente coinvolto nella creazione delle tanto decantate OPPORTUNITA’ PROFESSIONALI legate alla presenza, ormai sempre più frequente nella città di Matera, di Major Cinematografiche come la Paramount e la Metro Goldwin Mayer(per citarne solo alcune).
Le scrivo perché queste opportunità, fino a qualche tempo fa neppure immaginabili, ci sono per l’ennesima volta passate grottescamente sotto al naso, anche dopo la recente produzione hollywoodiana di Ben Hur.
Le scrivo per informarla che le professionalità locali non hanno avuto alcun modo di collaborare con la Produzione del film grazie soprattutto all’incapacità della locale Film Commission di dotarsi di una benché minima organizzazione ; la quasi totalità degli occupati locali erano manovali.
Ma sa cosa significa aver perso una simile occasione?
Ha la minima idea di quanti addetti ai lavori avrebbero potuto beneficiare di questa impareggiabile esperienza al fianco dei migliori al mondo nel campo della cinematografia?
Ma ha mai pensato che sarebbe stato per molti,me per primo,un impareggiabile corso di formazione,per giunta ben retribuito,e senza intaccare le finanze pubbliche?
Se analizzo il niente che Lei ha prodotto a riguardo, mi viene facile pensare che Lei non ha alcuna idea su cosa significhi veramente organizzare una Film Commission; mi viene facile pensare che il suo è solamente l’ennesimo incarico politico(non a caso il Consiglio Generale che l’ ha eletta è formato da amministratori e non da tecnici:De Filippo, Lacorazza, Stella_astenuto, Santarsiero, Adduce), sempre più lontano dalla politica del fare.
Ma crede davvero che basti presenziare a qualche Festival Cinematografico, elargire qualche contributo per la realizzazione di cortometraggi, farsi fotografare con Morgan Freeman, per gestire al meglio una Film Commission?
Mi chiedo se lei abbia cognizione di come si sviluppano le dinamiche nella progettazione e nella realizzazione di un film; se è mai stato su un set cinematografico e se ha presente la miriade di professionalità, delle più diverse, di cui si avvale la Produzione per la realizzazione di un kolossal come Ben Hur?
Dalle note biografiche che la riguardano,non si evince una sua specifica esperienza professionale nel campo della cinematografia in quanto apprendo che ha rivestito l’incarico di direttore di due quotidiani locali, che è studioso del cinema(mi piacerebbe sapere cosa significa nello specifico) e che è stato curatore del seminario di tirocinio in cronaca giornalistica del cinema presso l’Università della Calabria(a tal proposito, le ricordo che non è stato nemmeno in grado di organizzare una conferenza stampa con il regista e magari qualche attore, ne tantomeno un tour sul set per dare la possibilità ai colleghi della televisione locale e della carta stampata di raccontare anche con le immagini, un evento di così grande interesse,che si stava consumando nella NOSTRA città).
Mi rammarica il fatto che Lei non abbia mai preso in considerazione la possibilità di avvalersi di professionalità che insistono sul nostro territorio per organizzare insieme un percorso mirato allo sviluppo e al consolidamento di reali opportunità di crescita in termini di occupazione.(visto che Lei non ha alcuna conoscenza tecnica a riguardo).
Mi piacerebbe conoscere di quanti collaboratori si avvale la Lucania Film Commission ed eventualmente il piano programmatico che intende sviluppare,e quello già sviluppato; e quale reale beneficio ha prodotto sul territorio,a due anni dalla sua istituzione.

Dopo la sua ultima apparizione in televisione(intervista realizzata da Sergio Palomba per il Tg di TRM trasmesso oggi),ha rasentato la farsa: ha parlato dello sforzo profuso dalla Lucania Film Commission nel supporto offerto alla Produzione Americana(ma lo sa che la Produzione non ha idea di chi Lei sia????), e ha continuato parlando a sproposito di un suo sopralluogo nei Sassi di Matera, per appurare che non ci fossero danni lasciati dal grande circo della cinematografia(ma sbaglio o l’opera di controllo sugli Antichi Rioni materani attiene all’Amministrazione Comunale o magari all’Assessorato ai Sassi?????).Non ci vorrà mica far credere che Lei si sia seduto al tavolo delle trattative quando si è discusso della pianificazione delle riprese e della logistica?
Egr. sig Leporace, ma crede davvero che basti vestirsi al buio per poter gestire una Film Commission?
Lei ha la sfortuna di rappresentare un mondo fatto di professionisti, che difficilmente sarà disposto ad ascoltare ancora il suo politichese privo di senso e di verità.
Sig. Leporace,le voglio dire col cuore in mano, che quello che Lei crede un gioco su cui potersi permettere il lusso di sperimentare.. di “dire”.. e di poco “fare”, per altri,come per me, è vita..è lavoro..sono ambizioni..sogni..speranze. La smetta di giocare con il futuro delle persone.
So che non è Lucano, ma se vuole bene a questa Terra che le ha dato tanto, ci faccia la gentilezza di rassegnare le sue dimissione da Direttore della Lucania Film Commission, perchè si possa davvero iniziare a pensare ad una seria possibilità di sviluppo anche in campo cinematografico a Matera e nella Lucania.
Matera Capitale della Cultura, dovrebbe essere anche questo. Anche avere il coraggio di denunciare pubblicamente, mettendoci la faccia, i giochi subdoli della politica del mercanteggiare, del gioco delle nomine; basta.. a tutto quello che di marcio ci propinano quotidianamente..nella nostra totale,fino ad ora, indifferenza. Ad maiora semper"

 

 

Stampa

0
0
0
s2sdefault