Notizie dall'Italia

“Ghost Mountaineer” il thriller estone tra le vette fassane

GhostMountaineerZone di montagna isolate quanto affascinanti: queste le richieste del regista estone Urmas E. Liiv poste alla casa produttrice trentina Decima Rosa, che le ha esaudite in Val di Fassa. Stiamo parlando delle riprese del film “Ghost Mountaineer” (titolo originale “Must Alpinist”), ovvero “L’alpinista fantasma” che, dal 6 al 10 marzo, ha visto attori e tecnici, in totale trenta persone di cui otto italiane alloggiate all’Hotel Villa Agomer di Penia, girare diverse scene tra i passi Pordoi, Sella e Pian Schiavaneis. La pellicola narra la storia - in parte autobiografica del regista - di un gruppo di alpinisti estoni che, alla fine degli anni Ottanta, viene sorpreso da una slavina, ritrovandosi così al centro di una drammatica avventura sulle Alpi siberiane. Il lavoro è frutto di una coproduzione di Decima Rosa, con l’estone Kopli Kinokompanii OÜ, il sostegno di Estonian Film Institut, Estonian Cultural Endowment e Estonian TV3, nonché di Trentino Film Commission che ha affidato all’Apt Val di Fassa il supporto logistico e organizzativo, in loco, della troupe. «Dopo la felice esperienza fassana di un paio d’anni fa - spiega Alessio Osele, produttore esecutivo di Decima Rosa – maturata in valle per “Il turno di notte lo fanno le stelle”, diretto da Edoardo Ponti e tratto dall’omonimo racconto di Erri de Luca, è stato ovvio per noi proporre Fassa a Urmas Liiv per le scene degli esterni, immersi in una natura incontaminata. Se in Siberia sono stati realizzati gli interni, proprio nel paesino che trent'anni fa accolse i giovani alpinisti, in Val di Fassa si sono filmate le sequenze (con abiti e attrezzatura sciistica estone degli anni Ottanta) d’alta montagna, tra rocce, neve e alberi, che ricordano le località, inaccessibili a una troupe, dove sono accaduti i fatti».

Il film, costato circa 1 milione di euro e girato con alcune camere da ripresa e un drone per numerose scene, è rivolto prevalentemente al mercato russo, sarà presentato il prossimo settembre a Tallinn in Estonia, ma Decima Rosa è già al lavoro per promuoverlo in diverse rassegne cinematografiche internazionali, tra cui il Film Festival della Montagna di Trento del 2016.

Stampa

0
0
0
s2sdefault