Italian English

Notizie dall'Italia

Dopo George Clooney, torna il cinema a Sulmona

La cittadina aquilana sarà protagonista di un film che vedrà la partecipazione di Valeria Golino

sulmona_fontana2Sulmona
, uno dei territori abruzzesi segnati dal terribile terremoto del 2009, ritorna al cinema. Dopo aver ricoperto il ruolo di location principale di ‘The American’, lavoro di Anton Corbijn con George Clooney e Violante Placido, la città in provincia dell’Aquila sarà tra i protagonisti del film ispirato alla vita di Armida Miserere, ex direttrice proprio del carcere di Sulmona. L’opera, le cui riprese dovrebbero svolgersi tra settembre e novembre prossimi, sarà diretta da Marco Simon Puccioni (noto agli appassionati per ‘Riparo’ e ‘Partigiani’, opera del ’97 con Giuseppe Cederna e Luciano Ligabue) e con molta probabilità vedrà Valeria Golino nelle vesti della Miserere. Il film, oltre che dalla collaborazione tra  Sulmonacinema e Abruzzo Film Commission, sarà segnato da una Co-produzione internazionale tra la francese ‘Les films de l’astre’ di Serge Gobbi e la tedesca ‘Von Vietinghoff  Film production’.

Il caso ‘The American’ e gli altri film girati a Sulmona. Un progetto importante - come mostra il riconoscimento di film di interesse culturale nazionale dal ministero dei Beni Culturali - che apre uno squarcio nella storia di Sulmona, città che da trent’anni si sta mostrando a suo agio nelle vesti di location cinematografica. A dimostrarlo opere come ‘Parenti serpenti’ (1992) di Mario Monicelli (con Tommaso Bianco e Renato Cecchetto) e ‘Fontamara’ (1981) di Carlo Lizzani (con Michele Placido). Ma il caso più significativo rimane sicuramente il recente ‘The American’ (2010): girato in Abruzzo e liberamente ispirato al romanzo di Martin Booth “A Very Private Gentleman”, l’opera racconta la storia di un abile assassino che, in seguito a un incarico terminato tragicamente in Svezia, decide di smettere con la sua professione e di ritirarsi a vivere in tranquillità in un paesino del centro Italia. Le location prescelte sono soprattutto in Abruzzo, in particolare Castel del Monte, Castelvecchio Calvisio, Calascio e la stessa Sulmona. La scelta della provincia dell’Aquila come set del film è frutto di un desiderio espresso proprio da Clooney, deciso a dare una mano alla regione dopo il terribile terremoto. Una mano dai risultati evidenti: "The American” ha, infatti, portato la regione Abruzzo e Sulmona all'attenzione dei media nazionali ed internazionali  per le sue bellezze naturali, le sue tradizioni e la sua cultura 

 

Stampa

0
0
0
s2sdefault