Italian English

Notizie dall'Italia

Gli zombie in Val d’Isarco Ma è soltanto un film

Sul set di «Attack of the Ledershosenzombies» di produzione viennese Alle riprese hanno collaborato artigiani e attori locali, ma anche i vigili del fuoco

Attack of the LedershosenzombiesVIPITENO. Morti viventi famelici arrivati fino in alta valle d'Isarco per soddisfare i loro appetiti, rifocillandosi di carne umana fra ignari turisti di una baita e l'altra. Il loro unico difetto? La musica li blocca. Potrebbe sembrare quasi la trama tra un film dell'orrore ed uno comico... ed infatti lo è. Da diverse settimane, tra la valle di Giovo e Vipiteno si stanno portando avanti delle spettacolari riprese cinematografiche di un nuovo film sugli zombi (abbreviazione americanizzata di morti viventi) che sta incuriosendo non poco l'intera valle, tanto da aver spinto molti a proporsi come attori e comparse. Alle riprese collaborano anche vigili del fuoco volontari, uomini del Soccorso alpino, elicotteristi e giovani artigiani. Tutti uniti per la realizzazione di una commedia tra fantascienza e orrore firmata da un giovanissimo regista di Vienna.

Tra le tante spettacolarizzazioni del film, gli effetti speciali in stile “holliwoodiano”, i trucchi a dir poco realistici degli attori, c'è anche la mano di abilissimi artigiani locali che in meno di sei settimane hanno ricostruito un’intera baita di alta montagna all'interno di un capannone a Vipiteno, con tanto di bar, sala da ballo e bagni finti. Tutto questo nel realismo più totale. Qui dentro infatti, si stanno svolgendo tutt'oggi le scene degli interni del film in questione che, solo fino a qualche settimana fa, era in fase di registrazione in alta montagna sulla valle di Giovo per scene esterne.

Da metà marzo per 33 giorni, in tutta la zona si sta girando la commedia «Attack of the Lederhosenzombies» di Dominik Hartl che ne ha scritto anche la sceneggiatura assieme ad Armin Prediger. Le location del film sono molteplici, Racines, Giovo e dintorni e la zona artigianale di Casateia. Il Fondo provinciale per le produzioni cinematografiche e televisive sostiene il progetto con un finanziamento di 330.00 euro e la Business Location Südtirol - Alto Adige lo supporta attivamente con diversi servizi. Anche in questa produzione sono coinvolti diversi filmmaker altoatesini, come la “Trenkwalder & Partner” che si sta occupando dell’allestimento del set e di servizi della produzione, compresa la costruzione della baita in un capannone di Casateia dove si stanno svolgendo oggi le riprese, ma sono presenti anche la costumista Cinzia Cioffi e Caterina Frontull nel reparto guardaroba.

La trama del film, prodotto dalla Fischer Film di Vienna vede un giovane amante dello snowboard abbandonato in montagna con la fidanzata e altri amici. I ragazzi trovano riparo in un rifugio, dove un Aprés-Ski-Party si trasforma in un incubo infernale di zombie e animali mutanti. La loro unica salvezza si rivelerà poi nella musica che ha questo strano potere di bloccare i morti viventi. L’attore inglese Laurie Calvert e l’attrice slovacca Gabriela Marcinkova sono gli interpreti principali del film, in cui recitano anche Karl Fischer, Margarete Tiesel, Kari Rakkola e Martin Loos. Per la prima volta dall'inizio delle riprese, nei giorni scorsi è stato possibile visitare il set di Caseteia e incontrare gli attori e il regista, nonché tutta la troupe del film.

Stampa

0
0
0
s2sdefault