Italian English
  • Home
  • News
  • Notizie dall'Italia
  • Apulia Film Fund 1.400.000 euro a sostegno delle produzioni audiovisive che girano in Puglia

Notizie dall'Italia

Apulia Film Fund 1.400.000 euro a sostegno delle produzioni audiovisive che girano in Puglia

Apulia FC logo 2L’Apulia Film Commission e la Regione Puglia annunciano giovedi 7 maggio a Roma il nuovo bando pubblico “Apulia Film Fund” a sostegno delle produzioni audiovisive realizzate in Puglia. Il bando dell’Apulia Film Fund verrà successivamente presentato al Festival di Cannes in occasione della partecipazione in concorso del film di Matteo Garrone Il racconto dei racconti, realizzato con il contributo e il sostegno di Apulia Film Commission. È online il nuovo bando che ha una dotazione complessiva di 1,4 milioni di euro con la possibilità di incrementare le risorse a disposizione. Termine ultimo di presentazione delle domande il 29 maggio 2015 alle ore 13:00. Si conferma il meccanismo proficuo del cash rebate che, dalla sua introduzione, è stato accolto favorevolmente dai produttori in quanto agevola i meccanismi di pianificazione del piano finanziario dell’opera. Tra le novità più importanti vi è l’innalzamento al 50 % del rimborso delle spese di personale sostenute in Puglia. Dal 2015 la Regione Puglia si è dotata di un regolamento per gli aiuti a favore delle opere audiovisive. Il nuovo bando è stato elaborato in base alla normativa comunitaria e va incontro alle esigenze del mercato audiovisivo internazionale con l’obiettivo di accrescere lo sviluppo e l’attrattività della Puglia. Le spese ammissibili riguardano esclusivamente gli investimenti sostenuti sul territorio pugliese. Vale con l’occasione ricordare alcuni fra i numerosi titoli – cinema e film TV - realizzati in questi anni grazie al contributo dell’Apulia Film Commission:Latin Lover, Braccialetti rossi, Allacciate le cinture, La mia bella famiglia italiana, Francesco, Amiche da morire, È stato il figlio, Il paese delle spose infelici, Che bella giornata, Mannaggia alla miseria, Noi credevamo, Mine Vaganti, Il passato è una terra straniera.

Stampa

0
0
0
s2sdefault