Italian English

Notizie dall'Italia

'Un bacio' friulano di Ivan Cotroneo

unbacio
Presentato il film che il regista napoletano ha girato interamente in Friuli, con protagonista un attore esordiente di Gorizia.


Infelicità, allegria, solitudine, idealismo, studio, bullismo, sport, romanticismo, futuro, scuola, disagio, amicizia, musica, amore. Il vocabolario di ogni adolescente è ricco e vario, complesso e articolato perché tenta di dare definizioni ad aspetti sfuggenti e speso contrastanti di un’identità in formazione. Punta l’occhio della telecamera proprio su quest’età di passaggio e sulle sue difficoltà il nuovo film di Ivan Cotroneo, ‘Un bacio’, girato interamente in Friuli, che è stato presentato oggi nelle aule dell’Istituto Marinoni. Dal 27 aprile infatti, la troupe ha organizzato il set in diverse location in città e nella prima periferia udinese (compresa la scuola superiore), dove si fermerà fino al 6 giugno.

“Sono partito dallo spunto del mio romanzo ‘Un bacio’ – racconta il regista -, perché ho riflettuto sul fatto che fosse il momento giusto per parlare di un tema forte come quello del bullismo. Ho scelto di raccontarlo da punto di vista dei ragazzi, con i loro occhi e la loro sensibilità, senza calare la mia visione del mondo di 47enne. Era il miglior modo per parlare ai ragazzi di un argomento che li tocca più da vicino di quanto spesso si rendano conto. È stato un lavoro complesso, che ha richiesto la rielaborazione del mio libro, ma mi ha portato a un risultato che mi soddisfa”.

Nel cast tre giovani attori: Leonardo Pazzagli, Valentina Romani e Rimau Grillo Ritzberger, di Gradisca d’Isonzo, che ha raccontato con entusiasmo l’esperienza dei provini e poi la vita sul set.“Mi sono trovato catapultato in un mondo un po’ più grande di me e poi è andato tutto velocissimo – ricorda l’attore, appena maggiorenne -. Venivo dal teatro amatoriale, ho fatto il provino a Roma e mi sono preparato all’Accademia Nico Pepe di Udine. Ho imparato di più in tre mesi che quasi in tutto il resto della mia vita”.

Tre volti per raccontare altrettanti aspetti della solitudine e dell’emarginazione di cui spesso i ragazzi sono vittime, ma anche per mostrare che l’amicizia può superare le barriere.

“Il film però non è solo un dramma – precisa il regista – perché mi interessa soprattutto esplorare le sfumature delle diverse personalità, mi emoziono quando i personaggi sono realistici, passano dal riso al pianto come ognuno di noi. Inoltre volevo mostrare l’assurdità degli schemi sociali e mentali che si trovano davanti i ragazzi. Ma, ripeto, non volevo farlo dall’alto della mia età”.

‘Un Bacio’ è prodotto da Indigo Film, Titanus, Lucky Red e Rai Cinema con la collaborazione della Friuli Venezia Giulia Film Commission e verrà distribuito da Lucky Red nella primavera del 2016.

La produttrice friulana Francesca Cima della Indigo Film (quella del Premio Oscar Paolo Sorrentino) ha portato per la quarta volta un set nella sua terra d’origine, dopo ‘Apnea’, ‘La ragazza del lago' (2007) e ‘Il ragazzo invisibile’ (2013). “Il Friuli Venezia Giulia ci accoglie sempre a braccia aperte. Negli anni, si è visto come sia cambiata la disponibilità verso una produzione cinematografica: adesso c’è un rapporto maturo, tanto che abbiamo trovato la collaborazione delle istituzioni, delle aziende, dei privati. si può quasi parlare di 'filiera', perchè qui i film nascono e si sviluppano fino a raggiungere le sale”.

Merito anche della Fvg Film Commission, che ha fornito il supporto logistico e ha elargito un contributo di 200 mila euro a fronte di un costo di produzione complessivo di circa 3 milioni di euro. “Una cifra considerevole – commenta la produttrice -, ma abbiamo affrontato il sacrificio di riprese in esterni pur di mantenere il ‘sentimento di un luogo, il Friuli, che tanto aveva colpito Cotroneo.”.

“Sono in Friuli dallo scorso 7 gennaio – racconta il regista – e, non solo ho trovato qui le location perfette per il film e tutto l’aiuto possibile per le riprese, ma mi sono letteralmente innamorato di questa terra che per me ha un valore speciale: mia nonna paterna era di Tolmezzo”.

Stampa

0
0
0
s2sdefault