Italian English

Notizie dall'Italia

Sophia Loren e il Delta del Po

 

la-donna-del-fiumeA sessant’anni dall’uscita del film di Mario Soldati "La donna del fiume", Comacchio rende omaggio alla sua stella con una mostra che coglie l’occasione dell’anniversario per fare un viaggio nel tempo e nel territorio del delta del Po. Con la pellicola, che uscì nel 1955, Comacchio irruppe sullo schermo facendo conoscere agli spettatori l’affascinante paesaggio del Delta padano e le sue genti.
Il film fu interamente girato tra Comacchio e le sue Valli, a Lido di Volano, Taglio della Falce e nei canneti di Pila a Porto Tolle, coinvolgendo, come attori secondari, figuranti o semplici spettatori, numerosi abitanti del territorio. A questi luoghi la mostra fa un continuo rimando lungo tutto il percorso, ma soprattutto incentivando lo spettatore a continuare la visita fuori dalle sale di Palazzo Bellini, seguendo l’itinerario cineturistico “La nascita di una nuova stella del cinema: Sophia Loren”, che tocca le principali location del film.
La mostra, curata da Stefania Marconi e Andrea Samaritani è promossa dall' Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Comacchio, in collaborazione con l' Ente di gestione per i Parchi e le Biodiversità - Delta del Po. Ad organizzarla Open Group e Articolture, società bolognese di progettazione culturale, in collaborazione con Ferrara Film Commission, l’associazione A Spasso nel tempo e con il contributo di CARIFE
L' esposizione, allestita nelle sale di Palazzo Bellini, riunisce una selezione di immagini - tra fotografie di scena e di backstage, scatti delle location, manifesti e locandine originali mai esposti prima - che, unite alle voci e alle testimonianze di coloro che nel ‘54 hanno assistito alle riprese, raccontano questo territorio, il film e la sua diva.
Sophia Loren e il Delta del Po - sessant’anni dopo La donna del fiume

Palazzo Bellini, Via Agatopisto 5, Comacchio (FE)
Da lunedì a sabato, dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18.
Durante i week end della Sagra dell’Anguilla (26-27 settembre, 3-4 e 10-11 ottobre) la mostra rimarrà aperta al pubblico con orario continuato.

 

Stampa

0
0
0
s2sdefault