Italian English

Notizie dall'Italia

RACCONTI #5: iscrizioni aperte per la nuova edizione dello Script Lab

racconti 5Concluso con ottimi risultati lo scorso anno, il nostro Script Lab è pronto per la nuova edizione. Le iscrizioni sono aperte fino al 27 gennaio e rivolte a sceneggiatori e autori professionisti con un’affinità per le serie tv, provenienti specialmente da Italia, Germania, Austria e Svizzera, sebbene le candidature siano aperte anche a sceneggiatori di altre aree geografiche. Come per lo scorso anno, anche in questa edizione 2 squadre miste di scrittori lavoreranno all’interno di 2 Writers’ Room per sviluppare, sotto la guida di esperti showrunner internazionali, 2 concept per altrettante serie tv di respiro internazionale proposte dalle case di produzione Palomar e Letterbox e orientate a una co-produzione italo-tedesca. Durante i 2 workshop di lavoro, gli autori selezionati parteciperanno anche a delle masterclass con lo sceneggiatore e produttore americano James V. Hart (conosciuto per Hook - Capitan Uncino di Spielberg e la serie Crossbones) e la produttrice inglese Manda Levin (script editor per BBC Drama e produttrice esecutiva della serie thriller per Canal+ The Tunnel) che offriranno un’analisi sui tv show americani ed europei di maggior successo.
RACCONTI #5 si svolgerà in Alto Adige, dal 22 al 28 aprile e dall’11 al 17 giugno.

In attesa dell’inizio di questa nuova avventura, abbiamo intervistato Roberto Gagnor, uno degli autori della passata edizione, che ci ha descritto la sua esperienza durante RACCONTI.

BLS: Perché ti sei candidato per partecipare a RACCONTI?
Gagnor: Mi ero già candidato nel 2014, ma non era andata bene. Quando ho visto il bando del 2015, però, ho deciso di riprovarci facendo l’application legata a Studio Hamburg, ora Letterbox, la casa di produzione tedesca, perché ho già lavorato in Germania (ho scritto Sommer Auf Dem Land, diretto dal mio amico Radek Wegrzyn e uscito nel 2012), trovandomi bene. In più l’idea della serie poi sviluppata in Alto Adige, White Planet, mi è piaciuta da subito: l’impostazione fantascientifica della storia si adattava bene ai miei gusti. Io scrivo anche fumetti (per Topolino) e amo le storie di supereroi e di fantascienza. Per cui, mi sono lanciato e ho mandato l’application. Poi sono stato convocato a Berlino per il colloquio con Torsten Goetz, il produttore di Studio Hamburg, Philip Nauck e Christopher Lenke, i due head writer. Avevo un solo giorno a disposizione causa altri lavori, per cui ho fatto tutto in giornata: sono partito alle 4.00 del mattino da Milano per Berlino, ho fatto il colloquio nel pomeriggio (e io, Torsten, Philip e Christopher ci siamo intesi subito!), giretto a Berlino, aereo la sera: a mezzanotte ero di nuovo a Milano. Sfiancante ma bellissimo…ed è andata bene!

BLS: Com’era l’atmosfera di lavoro durante i due workshop in Alto Adige?
Gagnor: Bella! Il bello di RACCONTI è che…devi solo pensare a scrivere. Sei in un bel posto (Vipiteno nel primo workshop, la Val di Vizze poi), mangi molto bene e sei in un gruppo di persone motivate, creative e interessanti: nel mio gruppo, oltre ai succitati Torsten, Philip, Christopher e Ayhan Usuk, l’assistente di Torsten, c’erano anche Irene Reiserer e Juliana Lima Dehne, ottime autrici e sceneggiatrici. Per cui devi solo pensare a fare il tuo lavoro: a raccontare storie e a scriverle. In più Torsten e Ayhan davano a tutto il gruppo obiettivi quotidiani, il che disciplina il lavoro creativo e aiuta ad evitare certe derive. Insomma, si resta concentrati sul tipo di storia da raccontare. E si produce molto. In più c’erano parecchie interazioni con il gruppo di lavoro della produzione italiana, Palomar, e altrettante occasioni per conoscere meglio l'Alto Adige. Io, poi, arrivo dalla montagna (dalla Val di Susa, per la precisione), per cui mi sono sentito subito a casa.

BLS: Cosa ti è rimasto dalle esperienze fatte durante le Writers’ Room?
Gagnor: Ho capito parecchie cose sul lavoro di gruppo. Di solito scrivo da solo, e in quel caso sono abituato a fare il dittatore di me stesso, per quanto riguarda la storia. Quando invece lavori in gruppo, l’ego bisogna lasciarlo fuori. In altri lavori di gruppo mi mettevo pressione da solo: volevo essere il goleador, quello che risolve tutto con un’ideona e fa meglio degli altri. Il che, naturalmente, crea solo tensione per te stesso e per il gruppo. Qui, invece, ho capito che è davvero un gioco di squadra. Porta tutto quello che hai, le tue idee e la tua passione: a volte farai anche solo un assist per una bella idea altrui, a volte farai gol, ma tutto serve. Il che è stato molto liberatorio, per me. In più non solo ho scritto, ma ho anche disegnato: sono un cartoonist dilettante, per cui visualizzare i personaggi della serie con i miei disegni è stato utile. Insomma, un gran lavoro e un lavoro bello.

BLS: E cosa ti è rimasto invece della collaborazione con i colleghi tedeschi?
Gagnor: Be’, ho mantenuto i contatti anche professionali con loro: ci siamo rivisti a Roma, a ottobre, per la presentazione dei progetti di RACCONTI. White Planet è tuttora in sviluppo e io e gli altri autori non vediamo l’ora di scriverla! In più, gli incontri con gli ospiti inglesi, gli sceneggiatori e showrunner Emma Frost e John Yorke, sono stati utilissimi per il mio lavoro, e un ottimo corso di aggiornamento, dato che insegno anche sceneggiatura.

BLS: RACCONTI in tre parole?
Gagnor: Internazionale. Utilissimo. Mind-opening. Aggiungo una quarta: voglio tornare in Alto Adige a scrivere as soon as possible!

BLS: I tuoi progetti attuali?
Gagnor: Sto scrivendo il secondo film di Radek Wegrzyn, una commedia; continuo a lavorare su vari progetti con tempesta film e altre produzioni italiane; continuo a scrivere fumetti Disney e non e a insegnare sceneggiatura. Più un po’ di altri progetti di film che però tengo nascosti, per ora. Ma uno di questi sarà il mio esordio alla regia.

Quale incoraggiamento migliore per sceneggiatori e autori che vogliono sperimentare questo metodo innovativo di scrittura?

Tutte le informazioni e le linee guida per candidarsi alla prossima edizione al link: http://www.bls.info/it/film-location/racconti/racconti-5 

Fonte: BLS Sudtriol FC

Stampa

0
0
0
s2sdefault