Italian English

Notizie dall'Italia

Roma Lazio Film Commission: intesa con Francia e Germania

cinecitta-banner070520161816L’abbiamo notato tutti che negli ultimi anni il cinema straniero e in primis quello americano è tornato a girare a Roma. Ma non solo Roma è il cuore di un grande cambiamento. Nicola Zingaretti, presidente della regione Lazio, assieme a Luciano Sovena che è a capo della Film commission Roma e Lazio hanno annunciato che il Lazio è diventata la seconda regione europea per fondi e attività audiovisive, seconda solo alla regione di Brandeburgo che comprende Berlino. Anche per questo le due regioni con l’aggiunta dell’altra prestigiosa Ile de France stanno per siglare un accordo di collaborazione.
Questo prevede consultazione, condivisione di idee e progetti. Nessuna imposizione legale, ognuno continuerà con le proprie politiche, ma una comunanza dichiarata di obiettivi. Del resto le politiche della regione Lazio sono in espansione per battere il ferro finchè è caldo. Un nuovo fondo è stato istituito per attirare ancora più produzioni straniere, uno che si aggiunge a quello di 10 milioni di euro l’anno distribuito in automatico a chiunque spenda un certa percentuale del budget girando nel Lazio. Questo nuovo fondo, chiamato Lazio Cinema International, viene distribuito tramite bando e sarà anch’esso da 10 milioni di euro l’anno (al momento è previsto per tre anni) ed è dedicato solo a coproduzioni mondiali da girarsi nel Lazio. I vincitori del bando di quest’anno, che ha visto circa 52 domande, saranno le coproduzioni mondiali che si gireranno nel Lazio e verranno annunciate a Cannes.

Si tratta della parte più in vista di quella che Nicola Zingaretti descrive come un’azione sistematica sull’audiovisivo da parte della regione, una che oltre ai suddetti fondi, prevede anche l’ottimizzazione del sistema dei festival romani con l’affidamento del Fiction Fest alla stessa fondazione che organizza la Festa del cinema e il rilancio del MIA ovvero il nuovo mercato dell’audiovisivo, oltre alla pacificazione dei rapporti con Venezia grazie all’ingresso del Mibact nella Festa. Ma non solo. Siccome la gran parte delle produzioni nel Lazio ha sede a Roma, la regione sta cercando di promuovere tutte le location facilmente raggiungibili dalla capitale tramite Movieland. Si tratta della mappatura di tutti i luoghi del Lazio in cui poter girare, una serie di tesori sia paesaggistici che logistici, da Viterbo (in cui Marjane Satrapi girerà il suo prossimo film) fino a Civita di Bagnoregio, diventata famosa per aver fatto da ispirazione a Il castello errante di Howl di Hayao Miyazaki.

Quindi fondi per la produzione, location, festival e poi anche fondi per le startup audiovisive (circa 1,2 milioni) e per la creatività digitale (altri 1,2 milioni) all’interno di un finanziamento europeo che ha a che vedere con la creatività in generale. Sono tutti i modi in cui la Regione ha raggiunto la medaglia d’argento europea del finanziamento e in cui intende mantenerla. Uno dei primissimi effetti di tutto ciò, lo anticipa Luciano Sovena, è che la Regione dovrebbe ospitare il remake di Vacanze Romane, progetto a cui ancora non è assegnato un regista ma al quale sembra sia interessatissimo Robert De Niro. Non si tratta di una vera notizia, nonostante molti amino spacciarla per tale, visto che la Film commission sta attenta a precisare che non c’è nulla di fissato, ma di un gossip trapelato tra le varie dichiarazioni.

Stampa

0
0
0
s2sdefault