Italian English

Notizie dall'Italia

E' nata la Treviso Film Commission!

Quartier del Piave set cinematografico.

Marca Treviso lancia il set in occasione del centenario della fine della Grande Guerra

PIEVE DI SOLIGO – Far diventare il Quartier del Piave, e la Marca tutta, una location ambita dalle più grandi major cinematografiche del mondo. È l’ambizione del Consorzio di Promozione Turistica Marca Treviso.

A luglio, infatti, su volontà del Consorzio di Promozione Turistica Marca Treviso e sulla spinta di quanto già realizzato dalla Regione Veneto nelle altre province venete e con il supporto del sistema turistico provinciale, è nata la Treviso Film Commission con lo scopo di promuovere il territorio provinciale caratterizzato da attrattive naturali, artistiche, architettoniche, storiche, paesaggistiche, dal forte impatto scenografico presso le produzioni cinematografiche, televisive e pubblicitarie nazionali e internazionali.

La Marca, del resto, ha già fatto da scenario a più di 50 film nazionali ed internazionali, a spot pubblicitari, ma presenta ancora angoli nascosti dal fascino intatto, specie nella zona del Quartier del Piave. «Siamo prossimi alla ricorrenza dei 100 anni dall’inizio della Grande Guerra (2015, ndr) - afferma Alessandro Martini -. E stiamo coltivando un sogno in proposito: far sì che il nostro territorio diventi set di una grande produzione televisiva».

Compito della Treviso Film Commission è offrire assistenza alle produzioni nella ricerca e individuazione delle location, nell’ottenimento di autorizzazioni, nella fornitura di servizi correlati alla realizzazione delle riprese e di agevolazioni presso strutture ricettive locali.

Dopo la presenza alla Mostra del Cinema di Venezia, la Treviso Film Commission, con il coordinamento della Regione Veneto, a febbraio sarà presente alla Berlinale, quindi a maggio al Festival di Cannes.

«Stiamo programmando in questi giorni la nostra partecipazione a questi eventi e predisponendo i materiali per promuovere il nostro territorio e renderlo attrattivo agli occhi dei professionisti dell’industria cinematografica – spiega Martini –. La Marca ha una cultura cinematografica eccellente e, soprattutto, crescente: in questi ultimi anni, infatti, sono nati numerosi festival cinematografici. Il lavoro della Treviso Film Commission va nel senso di ampliare la vocazione cinematografica di questo territorio».

Questo impegno ha l’obiettivo di incrementare ulteriormente l’appeal turistico del nostro territorio, già in forte crescita negli ultimi anni grazie al passaggio da un turismo business di uomini d’affari ad un turismo leasure di famiglie con bambini e gruppi organizzati, con una permanenza media di 2,5 giorni. Basti pensare che, solo tra il Valdobbiadenese e il Solighese, nel 2011 si sfioreranno le 100.000 notti dormite e che il volume d’affari generato dal turismo in quest’area vale dai 10 ai 12 milioni di euro l’anno (Treviso è la quarta provincia del Veneto per visitatori).

Va tuttavia ancora fatto molto per intercettare e dare risposte alla nuova tipologia di turisti. «Il cambiamento è avvenuto in tempi rapidi e la riconversione del sistema ricettivo non si è ancora completata – spiega Martini -. Se il turista business non ha grandi esigenze, chi viene invece per svago e per piacere ha maggiori aspettative in termini di qualità dell’accoglienza e offerta. Dobbiamo ancora lavorare per migliorare questi aspetti, tramite ad esempio la formazione degli operatori, continuando la collaborazione con la Confcommercio».

Dal mondo del turismo e del commercio anche una raccomandazione: che la costruenda Pedemontana Veneta non porti con sé la tentazione di realizzare strutture ricettive megagalattiche, non è questo che serve al nostro sistema ricettivo che deve essere integrato al paesaggio e all’ambiente, offrendo esperienze all’insegna dell’immersione genuina nella natura e nella cultura locali.

Per il sindaco di Pieve di Soligo e l’assessore al Turismo Floriano Zambon anche la candidatura delle colline del Prosecco a bene immateriale patrimonio dell’Unesco potrà diventare una ulteriore ragione di attrazione turistica.

Stampa

0
0
0
s2sdefault