Notizie dall'Italia

Presentato questa mattina a Bari il film "Un nemico che ti vuole bene"

apulia-film-commissionIl film è in corso di lavorazione in Puglia per 5 settimane tra Acquaviva delle fonti, Trani, Bisceglie, Bari, Lecce, Poggiardo, Cavallino, Tricase, Monteroni, Casaano e Copertino, per poi proseguire per una settimana in Svizzera.
È stato presentato questa mattina al Grande Hotel delle Nazioni a Bari il film in corso di riprese in Puglia “Un nemico che ti vuole bene” di Denis Rabaglia, con protagonisti Diego Abatantuono e Antonio Folletto.
All’incontro sono intervenuti: i produttori Mauro e Andrea Preti, Pierpaolo Piastra, Claudio Di Mauro, il regista Denis Rabaglia, gli attori Ugo Conti e Gisella Donati e il direttore di Apulia Film Commission Antonio Parente.
Il film, nato da una storia originale di Krystof Zanussi e scritto da Heidrun Schleef, Denis Rabaglia, Luca De Benedittis, Diego Abatantuono e David Mcwater, racconta la vicenda di un professore di astronomia (Enzo) che salva la vita a un giovane ferito da un’arma da fuoco. In cambio l’uomo colpito (Salvatore, un killer di professione) gli promette di trovare e uccidere un nemico, chiunque esso sia. Anche se Enzo insiste nell’affermare di non avere un nemico, il giovane insiste nel ripagare il debito e butta la vita del professore nel caos.
“Un nemico che ti vuole bene”- ha commentato Rabaglia -, è una storia realmente accaduta in Georgia che noi abbiamo ambientato in Italia, in Puglia. La premessa è quella di fare divertire il pubblico mantenendo sempre la tensione, che poi è la caratteristica di questa black – comedy”. Una vicenda che promette, quindi, tanti colpi di scena e che, oltre ad Abatantuono, Folletto, Conti e Donati, vede impegnati anche l’attrice Sandra Milo, gli attori Antonio Catania, Massimo Ghini, Andrea Preti, Roberto Ciuffoli, e i giovani Annabella Calabrese e Mirko Trovato.
Non è la prima volta che il regista italo –svizzero gira in Puglia, già vent’anni fa aveva diretto Paolo Villaggio nel film “Azzurro”, girato tra il Salento e la Svizzera.
“Rispetto alla prima volta che ho girato in Puglia – ha proseguito Rabaglia -, adesso c’è una vera un’industria e si trovano maestranze all’altezza in quasi tutti i reparti. Si comprende che in Puglia si lavora per il cinema sia per le produzioni italiane che di altri Paesi”.
Il film è in corso di lavorazione in Puglia per altre 4 settimane, dopo Acquaviva delle Fonti, Trani, Bisceglie, Bari, con riprese anche all’interno del teatro Petruzzelli, la produzione si sposterà in Salento con riprese a Lecce, Poggiardo, Cavallino, Tricase, Monteroni, Casarano e Copertino, per poi proseguire una settimana a Gstaad, in Svizzera. 
Prodotto da Falkor Production, Turnus Film e Viva Productions con il sostegno logistico di Apulia Film Commission, per la realizzazione del film sono impegnate 31 unità lavorative pugliesi.

Stampa

0
0
0
s2sdefault