Warning: getimagesize(/web/htdocs/www.cineturismo.it/home/images/lila_e_lenù.JPG): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.cineturismo.it/home/plugins/content/social2s/social2s.php on line 1660

Notizie dall'Italia

“L’amica geniale” nella stagione 2 raddoppia: tanta Ischia per Lila e Lenù

lila e lenùDue episodi ischitani per la seconda serie della fiction che ha conquistato gli Italiani. Il “regalo” di Elena Ferrante ancora non compreso dagli ischitani. Saverio Costanzo: «A marzo riprenderanno le riprese, che dureranno sei mesi. C'è un rione nuovo, ma quello vecchio resta il cuore del racconto, mentre a Ischia ambienteremo due episodi e una scena piccola ma importante sarà girata a San Giovanni a Teduccio»

 Michelangelo Messina | Invitato dalla Film Commission Regione Campania (e un po’ inviato dal Dispari, ndr) alla presentazione del backstage della fiction “L’amica geniale” per la regia di Saverio Costanzo e alla conferenza stampa di presentazione della nuova stagione, vi racconto quello che è successo in una mattina di cinema e territori nell’incanto di Villa Pignatelli sulla Riviera di Chiaia a Napoli. La sensazione iniziale è stata quella di trovarsi immerso sul set della fortunata serie L’Amica Geniale. Tra attori, maestranze e produttori è impossibile non cogliere il modo originale per fare gli auguri di Natale alla città e alla serie basata sui romanzi di Elena Ferrante che, in questi mesi, ha accompagnato le nostre serate e ha ottenuto un successo di pubblico importante.

Al gran completo gli invitati e i giornalisti hanno incontrato tutto il cast, dalle giovani attrici a tutta la troupe, in un abbraccio collettivo. Emozionati e soddisfatti del successo, sul palco della sala conferenza della Villa, il Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il produttore esecutivo Guido De Laurentis, lo scenografo Giancarlo Basili, il regista Saverio Costanzo e il cast femminile al completo: le giovani Ludovica Nasti ed Elisa Del Genio, le adolescenti Gaia Girace e Margherita Mazzucco sono stati assediati sia dai flash dei fotografi sia da tanti del pubblico che hanno chiesto, l’imperdibile, selfie.

Molte le domande da parte dei giornalisti per comprendere, soprattutto, quale sia il seguito de l’Amica Geniale. La fiction, lo ricordiamo, si presenta come un prodotto molto interessante sia per la promozione del territorio sia per l’opera in se. Una mattinata ricca di anticipazioni. Sul palco, il fotografo di scena, Fabio Cianchetti, ha anticipato la notizia di una imminente mostra sulle foto del set che realizzata con la collaborazione della Regione Campania, e di una originale collocazione di sagome dei protagonisti nel vero Rione Luzzatti di Napoli.

Lo scenografo Basili, invece, ha raccontato come é stato faticosa la preparazione del finto set al “Luzzatti”, a straordinaria fedeltà nel ricostruire Ischia in quegli anni tenendo in considerazione il livello da sostenere perché, attualmente, “L’Amica Geniale” é il più grosso progetto televisivo in Europa

Il produttore esecutivo, dal canto suo, ha ribadito che l’ottanta percento delle maestranze erano napoletane, con una produzione corposa di oltre 180 persone e che solo grazie alla produzione Wildside – HBO, è stato possibile realizzare un così complesso set in virtù che verrà utilizzato per i prossimi tre anni. In scena oltre 150 attori e 5000 comparse. Un casting durato otto mesi, durante i quali sono stati provinati quasi 9000 bambini e 500 adulti provenienti da tutta la Campania. Le giovani attrici, emozionantissime, non hanno fatto mistero: per loro é stata un’esperienza indimenticabile, e non hanno nascosto il desiderio di voler continuare la loro carriera come attrici, in particolare modo la piccola Ludovica Nasti che ha svelato il suo sogno: “diventare come Sophia Loren”. Il tutto mentre sui due grandi schermi scorrevano le immagini del back stage, in modo particolare le immagini del set girate ad Ischia con lo sfondo del Castello Aragonese. Uno stage dove, a turno, si sono alternati i protagonisti della fiction per rispondere alle domande dei giornalisti.

Grandissima soddisfazione è stata espressa dal Presidente De Luca, commossoso già al Festival di Venezia in occasione dell’anteprima delle prime due puntate. De Luca, inoltre, ha continuato sottolineando l’impegno della Regione nel sostenere questa fiction, che ha dato degli ottimi risultati in termini di visibilità e di promozione per l’intera Campania. Il governatore ha aggiunto, inoltre, di aver sostenuto la Film Commission con 5 milioni di euro e che, alla luce del triplicarsi delle produzioni sul territorio campano (si è passati dalle 14 produzioni del 2014 alle attuali 147), è in atto la valutazione della Regione di realizzare un Distretto del Cinema così da far fronte alle numerose richieste. De Luca, ha ipotizzando anche il sito, la vecchia caserma di trasmissioni di San Giorgio a Cremano al posto di Bagnoli. Location dove si implicherebbe una maggiore risorsa di fondi per attrezzarlo adeguatamente. Lo scopo è quello di realizzare formazione professionale e ospitare produzioni future.

Non si è sottratto alle domande il regista Saverio Costanzo (visibilmente stanco), al quale attende un duro lavoro per la prossima stagione “di 8 mesi” come egli stesso ha sottolineato. Il regista non ha svelato molte anticipazioni sulle prossime puntate, ma ha confermato che ben due capitoli della prossima serie saranno girati ad Ischia. Le riprese per la nuova serie dovrebbero iniziare a Marzo, ma non si sa ancora nulla del nuovo cast. La prossima stagione, infatti, sarà proiettata in un’altra epoca rispetto alla precedente. Avrà con un ritmo diverso, come lui stesso ha descritto, e camminerà al passo con le esperienze delle due adolescenti oramai diventate donne.

Costanzo si è detto sorpreso del seguito che ha avuto la fiction verso tutte le fasce d’età. Le attenzioni dei , dei più giovani, oltre a colpire il Regista sono state uno spunto per De Luca che ha sottolineato come , grazia a questa fiction, si sia potuto rievocare il rapporto con la memoria e, quello ormai scomparso, tra le nuove generazioni e i nonni. A turno sia il regista sia lo scenografo Basili, hanno commentato l’uso della scenografia, con diversi toni di grigio (circa 25) per ri-evocare un luogo che non fosse caro solo caro ai napoletani ma, invece, fosse comprensibile in tutto il mondo.

Costanzo si è ispirato al neorealismo napoletano, come lui stesso ha dichiarato, ma ci ha tenuto a precisare che la sua è una visione complessiva dell’epoca senza sconfinare troppo. Al termine, sul seguito, si lascia andare regalando al pubblico piccole anticipazioni. Quella che verrà sarà una sorta di “Novell Vague”, come un “Noir francese”, con i toni più netti e, meno sfumati, conseguenza anche del periodo storico che le due protagoniste vivranno. Nelle prossime puntate avranno dei soldi, un nuovo cognome e verrà fuori tutta la voglia rompere con le tradizioni. Seguiremo il libro, conferma Costanzo. Avremo un rione nuovo, ancora Ischia con due episodi, un ritorno all’oggi. Un “nuovo” rione e il ritorno a casa del personaggio di Lea che, nel frattempo, è andata a Pisa per studiare. Avremo una periferia: San Giovanni a Teduccio. La seconda stagione ha in serbo moltissime sorprese che, però, nessuno ha svelato.

Ed infine, sulla domanda che tutti ci aspettavamo, quella riguardo al taglio delle scene effettuate dalla Rai, il regista ha risposto molto schiettamente. Costanzo ha affermato di svolgere il suo ruolo e di realizzare un prodotto così come lo ha immaginato. Rispetta la scelta della Rai riguardo al taglio delle scene per tutelare il pubblico dell’emittente nazionale, ma resta convinto che non era necessario. Secondo Costanzo, infatti, quelle scene non erano volgari, anzi avrebbero aiutato a capire di più. Era un nudo che dava complessità alla figura e tutto ciò lo conferma che negli altri paesi (ma anche sulla stessa piattaforma italiana della TimVison) dove è stata venduta la fiction non vi è nessun taglio. “Se lo avessero fatto anche all’estero – ha detto – mi sarei incatenato poiché quella scena dava solo una maggiore interpretazione”

Gli auguri del Presidente De Luca hanno chiuso l’incontro rimandandoci alla prossima stagione televisiva. E mentre andavamo via tra la folta partecipazione di pubblico, gli attori si mescolati al pubblico e, per un attimo, mi è sembrato di aver partecipato al matrimonio evocato nell’ultima puntata della fiction. Alla prossima.

Fonte: www.ildispariquotidiano.it

Stampa

0
0
0
s2sdefault