Notizie dall'Italia

Dreaming Alaska in Val di Fassa

In Val di Fassa si avvera il sogno di celluloide di “Dreaming Alaska”  

Esce a metà aprile il film di Emanuele Valla e Dario D’Ambrosio girato in gran partenella valle ladina, dove sarà presentato quest’estate 

DreamingAlaskaProtagonisti51995: nasce “Alaska” il filmato, sul mito della terra incontaminata del Nord, di Emanuele Valla e Dario D’Ambrosio (13 e 11 anni), girato a Felino (Parma) dopo un’abbondante nevicata. 2012: esce “Dreamin Alaska”, il film di quei due ragazzi, divenuti l’uno regista e l’altro sceneggiatore nonché attori, che avverano il loro sogno cinematografico in Val di Fassa. È, infatti, nella valle ladina che, tra maggio e settembre 2011, viene ambientato gran parte del divertente “road movie” che sarà presentato per la prima volta a Parma a metà aprile. «Considero la Val di Fassa la mia seconda casa - spiega Valla, che la frequenta fin da bambino - un luogo perfetto per trasmettere il messaggio di una natura bellissima e assolutamente protagonista». Molti i ciak girati tra le rocce, le foreste e gli orizzonti dei gruppi dolomitici di Sella, Sassolungo, Pordoi, Marmolada e Latemar. Altrettanti gli interni all’Hotel Millefiori di Vallonga (località vicina a Vigo di Fassa) e a Malga Monzoni (vicino Pozza di Fassa).
DreamingAlaskaLocandina_oIl film, in parte autobiografico, racconta la storia di due amici Alan (interpretato da D’Ambrosio), geologo, e Thomas (interpretato da Valla), regista, insoddisfatti per non aver realizzato davvero i loro sogni. I due, autori da ragazzi (questo è il tratto comune con Dario ed Emanuele) del piccolo film “Alaska”, dopo essersi persi di vista si ritrovano in montagna, luogo che più di ogni altro evoca il loro mito, le terre alaskane, e dove, tra ironiche avventure, andranno alla ricerca di loro stessi.
“Dreaning Alaska” è un lungometraggio a budget zero, frutto della passione di Valla e D’Ambrosio che, dopo la pellicola giovanile, hanno abbracciato il mondo del teatro (il musical in particolare) e del cinema, vincendo pure dei premi per alcuni cortometraggi e fondando, nel caso di Valla, la compagnia teatrale amatoriale “ArtistiSenzaNome”. Un’esperienza a tutto campo quella dei due artisti emiliani, capaci di utilizzare al meglio anche le opportunità del web. È infatti dal sito del film (www.dreamingalaska.com), e pure dalle pagine Facebook della Val di Fassa, che hanno lanciato una raccolta fondi per l’acquisto dei diritti di alcune canzoni della pellicola (per un totale di 5 mila euro divisi in quote da 25 euro da comprare entro il 16 marzo). «Abbiamo autoprodotto il lungometraggio - dice Valla - grazie al contributo di tecnici e attori amici. La musica, che ha un ruolo fondamentale nel film, ci è stata per lo più offerta dagli artisti selezionati, tra cui anche il gruppo degli Alpenboys presenti con una canzone in ladino, in altri, come “One life” di James Morrison, invece costa molto. DreamingAlaska2_DSC03249Ecco perché siamo ricorsi alla raccolta di finanziamenti in Internet».
La Val di Fassa è, quindi, protagonista anche di un nuovo modo di fare cinema, connesso alla Rete e ai numerosi festival internazionali (pure sul web) per pellicole indipendenti a cui il film (nella versione sottotitolata in inglese) è già stato iscritto. «Dopo la prima di Parma - sostiene Valla - quest’estate ci piacerebbe presentare ufficialmente il film anche in Val di Fassa. E siamo fiduciosi: grazie a “Dreaming Alaska” sappiamo che i sogni si possono avverare».

Info: Val di Fassa

Stampa

0
0
0
s2sdefault