Italian English

Notizie dall'Italia

L'isola di Deserto Rosso di Antonioni in vendita

Antonioni Deserto RossoL'isola di Budelli dove Michelangelo Antonioni ambientò il suo primo film a colori, è in vendita: il Tribunale di Tempio Pausania mette all'asta l'isola appartenente all'arcipelago de La Maddalena: prezzo di partenza quasi tre milioni di euro. Ma sulla vendita si alza un coro di no, Fratelli d'Italia: "Meno contributi alle sagre, la Regione compri l'isola". Pili (Pdl): "Va tolta dal mercato".

LA MADDALENA - 2 milioni e 945 mila euro la base d'asta, con un rilancio minimo di 20 mila euro. Queste le condizioni contenute nell'avviso che compare tra le vendite giudiziare del Tribunale di Tempio Pausania. A tanto ammonta il valore di oltre 1,6 milioni di metri quadrati sui quali si estende l'isola di Budelli nell'arcipelago de La Maddalena. Chi l'acquista però non potrà metterci sopra un solo mattone, l'isola infatti fa parte del Parco Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena e su essa gravano stringenti vincoli paessagistici, come ricorda il presidente dell'ente Parco, Giuseppe Bonanno: "I vincoli di tutela promossi e messi in atto dall’Ente Parco in particolare sulla Spiaggia Rosa proteggono l’area anche di fronte all’acquisizione da parte di privati".

Appresa la notizia dell'asta Bonanno afferma: "Ribadiremo la richiesta al Ministro per l’Ambiente Andrea Orlando come del resto già fatto con il Ministro Corrado Clini qualche mese fa ovvero la necessità di acquisire l’isola al patrimonio pubblico. Chiaramente il nostro bilancio ordinario ci impedisce di partecipare direttamente all’asta ma solleciteremo ancora una volta l’intervento in tal senso del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare".

Sugli scudi contro la vendita ai privati Matteo Sanna, consigliere regionale di Fratelli d'Italia: "La Regione Sardegna sia meno festaiola e più concreta: acquisti l'Isola di Budelli". Secondo l'esponente Fdi della Gallura la Sardegna dovrebbe esercitare una sorta di "diritto di prelazione" su Budelli per meglio tutelare l'ambiente. "Si potrebbe pensare di dare meno contributi per le feste e le sagre e di costituire invece un'osservatorio ambientale e di ricerca sulle specie autoctone dell'Isola - scrive Sanna in una nota - Magari si può evitare che su un pezzo della Sardegna e dell'Italia possa sventolare la bandiera di qualche altro Stato".

Secondo il deputato sardo del Pdl, Mauro Pili “la Regione può e deve togliere dal mercato l’isola di Budelli. Non partecipando all’asta ma disponendo l’esproprio per il pieno utilizzo dell’area come riserva naturale di interesse pubblico. Nessun ente pubblico deve intervenire in aste al rialzo ma deve imporre la sua potestà pianificatoria senza spendere un euro. L’idea che si possa vendere con un’agenzia immobiliare un pezzo pregiato di Sardegna è di per sé un affronto che va respinto con atti pubblici chiari e decisi. L’esproprio è una strada obbligata urgente e ineludibile, considerata l’esigenza di sottrarre quell’area proprio a qualsiasi tipo di speculazione. Il valore immobiliare è zero. E zero la Regione deve pagare”.

Guarda il video.

 

Stampa

0
0
0
s2sdefault