Notizie dall'Italia

Seconda edizione del film commission training

ItalianFilmCommissionLogoSi è conclusa sabato 7 dicembre a torino la seconda edizione del film commission training organizzata dall’associazione italian film commissions.

Operatività e prospettive all’insegna di un’ingegnosa innovatività suggerita dalla crisi.

Se nella prima edizione dello scorso anno, come si diceva, era stata “tracciata la strada verso il cinema del futuro”, questo secondo IFC Training risente dei venti freddi della crisi: stringe i tempi dell’incontro (due giorni invece dei tre della prima edizione) e stringe le fila degli operatori sul campo. Tanta operatività e molta innovatività hanno così caratterizzato questa edizione.

L’Associazione che riunisce le principali film commission del Paese, presieduta pro-tempore - dopo le dimissioni di Silvio Maselli - dai vice presidenti Anna Olivucci e Davide Bracco, coadiuvati dal segretario generale Roberto Corciulo, esce da alcuni significativi risultati raggiunti sul piano istituzionale.

Forti, infatti, dei sostanziali passi avanti esposti al Ministro Bray nella giornata finale della Conferenza Nazionale sul Cinema del 9 novembre scorso, a conclusione dei lavori dei tavoli di discussione sulla situazione dell’industria cinematografica in Italia attivati il 5 novembre 2013 al Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma, cui hanno partecipato oltre 300 addetti ai lavori, le Film Commission italiane focalizzano ora i lavori del loro secondo Training sulle questioni operative con le quali sono quotidianamente invitate a confrontarsi.

Tematiche come quelle della formazione e delle location complesse (aeroporti, carceri in primis) sono state affrontate attraverso il confronto produttivo e dettagliato con esempi di best practices, già avviate dalle rispettive film commission e riproponibili in altre realtà regionali. “Esperienze e incontri sempre illuminanti e utilissimi dalla progettualità della dimensione nazionale– dice Anna Olivucci responsabile di Marche Film Commission –, la cui attenzione ci siamo guadagnati - e ne andiamo fieri – al lavoro quotidiano sui territori: perché comunque tutto è Italia. E cinema e lavoro”.

Si sono così avvicendate a illustrare normative nazionali e locali e pratiche di ottimizzazione di accessi burocratici Livia Bellomia responsabile Nazionale ENAC, Laura Cerasa di Aerdorica – Aeroporto delle Marche, cui la testimonianza di Stefano Sgrelli della società Salt&Lemon per le riprese aeree con droni, ha aggiunto suggestivi spunti di riflessione ed utilizzo.

Particolare spazio e rilievo hanno inoltre assunto, in questa seconda edizione, le partecipate ed animatissime sessioni di confronto diretto tra i film commissioner delle rispettive regioni, utile strumento di confronto, ottimizzazione e possibile strandardizzazione delle modalità di problem solving.

Gli “incontri ravvicinati” su tematiche specifiche si sono sviluppati in una seconda giornata dedicata – ancora una volta ospitata nella sede di Via Cagliari della FC Torino Piemonte - dopo che il primo giorno in programma era stato significativamente occupato da Creative EU – Lo scenario di Europa Creativa per il periodo 2014-2020 promosso dalla Fondazione CRT e dalla Fondazione Cariplo in collaborazione con Antenna Media Torino che ha impostato ed inquadrato i lavori successivi nella giusta ottica di normativa.

Stampa

0
0
0
s2sdefault