Italian English
  • Home

La vera storia di “Italo”, un film di Alessia Scarso

 

locandina italo filmOggi esce il film Italo, opera prima di Alessia Scarso con Elena Radonicich, Marco Bocci e Barbara Tabita, storia di un cane adottato da un intero paese.

Il nome del cane che è vissuto fino al 2011 nella città di Scicli è Italo Barocco. La storia è resa così particolare perché la cronaca riporta la notizia di un bambino aggredito da parte di un branco di cani randagi; questo ha fatto si che il sindaco emise un’ordinanza che bandiva dalla città tutti i randagi dalla località.
Nel 2009 comparve un cane che alla fine cambiò la situazione, tanto che gli abitanti si affezionarono a lui così tanto, che tutto il paese decise di adottarlo.
Sembra una favola raccontata dalla voce narrante di Leo Gullotta che inizia proprio con “C’era una volta…”, ma è una storia vera.
Per la regista,  Alessia Scarso,  era importante raccontare questa storia perché restasse nella memoria delle persone, ma anche perché generalmente quando si racconta del territorio siciliano, l’argomento ricorrente è sempre la mafia. In quest’opera cinematografica invece la storia è di questo simbolo di umanità, interpretata dal cane Tomak, uno splendido Labrador che è stato bravissimo a girare tutte le scene, dopo un periodo di ammaestramento naturalmente.

Degli attori Marco Bocci interpreta il sindaco del paese, Barbara Tabita è una donna che aspira a diventare alle prossime elezioni, la prima cittadina ed Elena Radonicich è la maestra che viene dal nord.
Poi ci sono  i bambini, molto bravi e credibili, Chiara (Martina Antoci), Meno (Vincenzo Lauretta), e Paolo (Matteo Korreshi) per la prima volta sul grande schermo.
La fotografia che ha realizzato Daria D’antonio, è molto ben curata. La direttrice della fotografia ha già lavorato a "La Grande Bellezza" con Paolo Sorrentino, con inquadrature delle vie e panoramiche dall’alto molto d’effetto. Inoltre il cast è stato volutamente molto femminile.

A sostenere il film Italo c’è la lega animali e a breve , a scopo di beneficenza, verranno messi in vendita dei peluche del cane. In più per i non vedenti, sarà possibile scaricare dal sito Movie Raeding, un programma che permetterà anche a loro di poter andare al cinema e godere del film.
Il ministero dei beni culturali e la Sicilia Film Commission hanno concesso i fondi per girare l’opera ed è stata in parte finanziata anche dalla regista stessa. A distribuirlo sarà la Wonder Pictures in 20o copie in tutta Italia.

Stampa

0
0
0
s2sdefault